Carchiola lucana – senza glutine

La tradizione lucana ci offre la Carchiola lucana, un mix tra una focaccia senza lievito e il pane azzimo, fatta con farina di mais bianca, da poter farcire come una piadina, uno snack perfetto per il fine settimana!

Le sue origini sono molto antiche, si dice che il mais, appena arrivato dalle Americhe, venne utilizzato per la preparazione del pane in sostituzione del grano, a quel tempo molto costoso e che quindi veniva addirittura utilizzato come moneta.

Il nome “Carchiola” deriva proprio dal “carchesium”, lo strumento che veniva utilizzato per cuocere questa focaccia sulla brace.

Ingredienti (2 carchiole):

- 110 gr di farina di mais bianca S/glutine- 150 ml di acqua bollente- 1 pizzico di sale

Procedimento:

Mettete la farina in una ciotola, versateci l’acqua bollente e amalgamate fino a quando non avrete ottenuto una palla liscia e omogenea.

A questo punto, dividete l’impasto in due, infarinate leggermente la spianatoia e stendete le due palline con il mattarello fino a quando non avrete ottenuto una simil-piadina di 2/3 mm di spessore.

Scaldate una padella antiaderente e adagiate una carchiola alla volta, cuocendola 5 minuti per lato.

Una volta cotte, farcitele come preferite: io ho utilizzato maionese, fesa di tacchino, insalata e pomodoro, molto fresca e perfetta per l’estate in arrivo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *